Partito Socialista Universale

Un uomo che non è disposto a correre nessun rischio per le sue idee, significa: o che le sue idee non valgono nulla o che lui stesso vale poco

Lo statuto

1. Possono far parte del Partito Socialista Universale, uomini e donne maggiorenni (di 18 anni) che non abbiano riportato condanne penali rilevanti o  degradanti, quali omicidio, usura, pedofilia, appartenenza ad associazioni criminali, etc.. L'appartenenza al PSU prescinde dalla razza, dalla religione, dal  colore della pelle e dai credi personali, in quanto il PSU combatte ogni forma di razzismo.     I membri del PSU sono legati tra di loro da un  patto    di solidarieta'.

2. Si e' membri del PSU a mezzo tesseramento: le tessere sono consegnate dalla
Sezione locale territoriale e portano il nome e cognome del tesserato, residenza, stato e numero progressivo.L'appartenenza al PSU è incompatibile con l'iscrizione ad altre formazioni politiche e ad associazioni contrarie ai principi del PSU.

3. Ogni tessera avra' un costo di riferimento stabilito in ogni paese in cui opera il PSU.

4. Il PSU e' strutturato in cellule, minimo tre persone ed in sezioni minimo dodici persone.

5. Ogni paese avra' la sua sezione territoriale (citta' o centro), la sua sede regionale (o stato nelle repubbliche federate) e quella nazionale.

6. In ogni sezione del PSU saranno eletti tre membri (definiti organo di controllo) con il compito di vigilare sulla moralita' degli iscritti, sulla lealta' degli stessi e sulle eventuali discriminazioni operate a danno dei membri del PSU. L'organo di controllo emette giudizio di espulsione di un iscritto che si sia reso colpevole di slealta' al partito, tradimento o altri reati sopra definiti. L'azione di espulsione o sospensione dal PSU è avviata dall'organo di controllo, dopo: verifiche, accertamenti ed indagini a carico dell'iscritto al partito. La sanzione all'iscritto è emanata dall'organo di controllo e sarà ratificata dal presidente della sezione. L'iscritto soggetto al giudizio di espulsione o sospensione può richiedere di essere ascoltato, presentando memorie difensive, testimonianze o prove a sua discolpa, si esclude però la sua presenza nella votazione dall'organo di controllo che lo giudica. Per gli iscritti al partito che svolgono ruoli istituzionali quali: sindaci, assessori, consiglieri, parlamentari etc.. il procedimento di espulsione o sospensione segue la prassi specificata negli articoli successivi. Tutti i ricorsi di espulsione o sospensione devono essere inoltrati all'organo di controllo (a tutti i livelli). Le assemblee per le elezioni del presidente (a tutti i livelli) vengono convocate dal presidente uscente un mese prima della scadenza del suo mandato, in mancanza del presidente (decaduto, rimosso etc..) l'organo di controllo è tenuto a convocare l'assemblea per le elezioni.

7. L'espulso puo' appellarsi all'organo di controllo regionale e nazionale, qualora nei suoi confronti vi siano stati evidenti situazioni di ingiustizia e sopraffazione.  Qualora, un membro del partito implicato nei reati sopradefiniti, ed appartenente ad una sezione territoriale o regionale (stato) non venga giudicato dagli organi della sezione di appartenenza (presidente e organo di controllo) nei tempi fissati dallo statuto (30 gg), il presidente nazionale insieme all'organo di controllo avocheranno a sè il diritto di emettere il giudizio di espulsione o sospensione del membro. In questo caso il presidente nazionale e l'organo di controllo nazionale potranno disporre lo scioglimento della sezione e la decadenza dei membri della dirigenza della stessa (presidente, organo di controllo e collegio di direzione)
  
8. Il presidente di ogni sezione unitamente ad un collegio di direzione viene eletto direttamente dalla base degli iscritti. Tale presidente insieme al collegio di direzione (minimo tre membri, massimo sette membri) più l'organo di controllo vengono eletti a maggioranza semplice (50%+1) dagli iscritti. Qualora in tre votazioni, intervallate da 14 giorni, nessun candidato della sezione venga eletto presidente insieme agli organi già definiti, la sezione sarà sciolta o commissariata dal presidente nazionale, sentito il parere del presidente regionale inseme all'organo di controllo regionale e nazionale.

9. Il presidente regionale (o dello stato) unitamente all'organo di contollo ed al collegio di direzione vengono eletti 
in assemblea a maggioranza semplice (50%+1) da tutti i presidenti delle sezioni territoriali, che abbiano ottenuto la fiducia delle loro sezioni (50%+1) e presentino alla struttura organizzativa di controllo per tali elezioni il verbale approvato dagli iscritti della sezione, dove sono chiaramente identificabili i nominativi, le firme e i relativi documenti di riconoscimento. La sede regionale (o stato) può essere sciolta o commissariata qualora in tre votazioni non si sia raggiunta la maggioranza semplice (come per le sezioni territoriali). Il commissario sarà nominato dal presidente nazionale con il parere del collegio di direzione e l'organo di controllo nazionale. Gli atti relativi a tale attività devono essere registrati in un apposito registro delle assemblee e controfirmati da tutti i membri nazionali.

10. Il presidente nazionale, insieme all'organo di controllo ed al collegio di direzione, viene eletto in assemblea a maggioranza semplice (50%+1) da tutti i presidenti territoriali e regionali (o stati) che devono presentare le credenziali al comitato organizzativo di tale evento come definito per le modalità delle elezioni dei presidenti regionali (o stato). Le votazioni si svolgeranno tante volte quante necessarie fino all'elezione del presidente nazionale e dei relativi organi. Il presidente internazionale e relativi organi (organo di controllo e collegio di direzione) saranno eletti in assemblea a maggioranza semplice da tutti i presidenti nazionali che devono presentare alla struttura organizzativa per tale elezioni le credenziali personali ed i verbali relativi all'autorizzazione ed alla fiducia ottenuta come per le elezioni dei presidenti regionali (o stati). I presidenti sezionali, regionali, nazionali ed internazionali sono soggetti a dimissioni e a sanzioni disciplinari e possono essere dichiarati decaduti dalla loro carica per indegnità, slealtà al partito, uso personale del potere politico in danno del partito o altre attività che danneggiano il partito. Ogni sezione del PSU deve provvedere al mantenimento della sua sede, le sezioni territoriali e regionali possono ricevere un contributo dalla sezione nazionale. Le donazioni al PSU devono essere autorizzate e verbalizzate dal presidente nazionale. Ogni sezione territoriale mensilmente indirà una riunione di tutti gli iscritti per discutere i problemi del territorio, trovare le soluzioni e renderle pubbliche. Tutte le decisioni devono essere verbalizzate e sottoscritte dai partecipanti e possono essere liberamente visionate dagli iscritti. 

11. Le cariche amministrative degli enti pubblici e le cariche parlamentari non sono cumulabili con quelle del partito.    Nel PSU vige la meritocrazia per le candidature politiche ed amministrative   . Chi ha cariche politiche nel partito non può esercitare cariche amministrative o parlamentari a tutti i livelli. Nel PSU è consentito il libero pensiero alla critica ma non è consentita la creazione di correnti personali che pregiudicano la unità del partito e l'immagine dello stesso o atti di intolleranza contro altri membri del partito pena l'espulsione dal PSU. L'appartenenza al PSU si configura come servizio alla propria comunità e non come un trampo lino di lancio per le proprie ambizioni o scopi diversi da quelli del partito. In ogni sezione territoriale, regionale, nazionale ed internazionale oltre al presidente, all'organo di controllo e al collegio di direzione devono essere nominati un responsabile amministrativo ed un tesoriere coadiuvati da un contabile e due revisori esterni. Le posizioni del responsabile amministrativo e del tesoriere possono essere assunte da membri dell'organo di contriollo per piccole sezioni fino a 30 membri.

12. Il PSU avra' a disposizione un collegio di avvocati a tutela dei propri iscritti e a difesa dell'azione politica del PSU. Ogni sezione del PSU deve diventare un centro di cultura e favorire convegni e dibattiti. Le candidature amministrative nel PSU (consiglieri comunali, sindaci, assessori) sono affidate a membri del partito con anzianità di almeno sette mesi nel partito. Le stesse sono incompatibili con le cariche politiche (presidenti, organo di controllo e comitato di direzione), come già detto. I candidati alle cariche amministrative devono aver dato prova di attaccamento al PSU e sono scelti per meritocrazia con votazione assembleare a maggioranza semplice da tutti gli iscritti alla sezione. Le candidature dei parlamentari (regionali - o stato -, nazionali ed internazionali) sono affidate a membri del PSU che abbiano almeno un anno di iscrizione nel partito, e che abbiano dimostrato lealtà e impegno nel partito, rispetto dei suoi valori e si siano distinti per meriti in attività a favore del PSU e delle comunità territoriali. I candidati sono scelti con votazione a maggioranza semplice da tutti gli iscritti delle sezioni territoriali (riuniti in assemblea) appartenenti al collegio elettorale (o alla zona elettorale). Le votazioni si svolgeranno in presenza del presidente regionale - o stato - e del presidente nazionale (le cariche parlamentari sono incompatibili con quelle politiche). Le cariche di presidente territoriale, organo di controllo e comitato di direzione hanno la durata di un anno. Le cariche di presidente regionale (o stato) e relativi organi durano due anni. Le cariche del presidente nazionale e relativi organi durano tre anni. Le cariche del presidente internazionale e relativi organi durano quattro anni. Tutte le cariche, come già specificato, sono assunte dopo votazioni assembleari degli aventi diritto. Ogni anno si terranno assemblee regionali a cui parteciperanno tutti i presidenti delle sezioni territoriali con il presidente regionale e dovranno discutere delle problematiche del territorio, delle condizioni della popolazione e del loro stato. Il risultato della discussione (redatto in un documento) sarà reso pubblico. Le azioni politiche sul territorio dovranno essere conseguenti alle decisioni prese. Il documento sarà approvato a maggioranza semplice. Ogni due anni si terranno assemblee nazionali a cui parteciperanno tutti i presidenti delle sezioni regionali (o stato) che dovranno discutere delle condizioni del Paese e delle problematiche che affliggono le popolazioni. Il documento finale, approvato a maggioranza semplice, sarà reso pubblico e la politica del PSU in campo nazionale dovrà essere conseguente alle decisioni approvate. Ogni tre anni si terrà un'assemblea internazionale, composta da tutti i presidenti nazionali del PSU, che discuterà delle situazioni esistenti nei vari paesi e delle problematiche che investono i singoli popoli, nonchè delle contingenze internazionali. Il documento finale della discussione sarà approvato a maggioranza semplice e reso pubblico. I vari presidenti nazionali, per quanto possibile, dovranno ispirarsi a tale documento. 

13. Il PSU promuove azioni contro governi, singoli o organizzazioni che si sono resi responsabili di oppressioni, stati di necessita' e di riduzione alla fame, di comunita' umane, gruppi o intere nazioni. Il PSU  favorisce   la    formazione di sindacati indipendenti (da tutti i partiti)  aventi come finalità il miglioramento economico e sociale dei lavoratori ed il benessere materiale e spirituale degli stessi (il PSU riconosce nell'uomo l'esistenza della dualità materiale e spirituale). I presidenti regionali (o stato) possono essere espulsi dal PSU o dichiarati decaduti, per infedeltà, indegnità, condanne  degradanti, mancanza di attività e di democrazia interna. La decadenza si concretizza quando il 50% +1 dei presidenti territoriali insieme all'organo di controllo e di gestione, in votazione assembleare, dichiarano decaduto il presidente regionale (o stato) in presenza del presidente nazionale. Il presidente nazionale può essere espulso o dichiarato decaduto dalla sua carica per reati già sopra definiti. La decadenza si concretizza in votazione assembleare a maggioranza semplice di tutti i presidenti regionali (o stato) e relativi organi di controllo. Quanto stabilito per la decadenza dei presidenti nazionali vale anche per la decadenza del presidente internazionale, espulso o dichiarato decaduto con votazione assembleare a maggioranza semplice (50%+1) da tutti i presidenti nazionali. Il presidente territoriale può essere dichiarato decaduto o espulso dal PSU dai membri della sezione in assemblea con votazione a maggioranza semplice per tutti i reati già precedentemente definiti. Tutte le espulsioni devono essere verbalizzate e controfirmate. E' fatto divieto ai membri del PSU l'uso di stupefacenti, pena l'espulsione dal partito. La droga deturpa le menti ed assopisce la coscienza degli uomini. Essa è lo strumento di gruppi di potere nazionali ed internazionali per schiavizzare e controllare gli uomini. 

14. Il PSU promuove la creazione di un governo mondiale delle nazioni, composto da un presidente e da un parlamento. Il presidente è eletto da un parlamento costituito da tutti i presidenti delle nazioni che si riconoscono negli ideali del PSU.
Il governo mondiale unitamente a tutti i suoi ministeri con le relative divisioni di poteri, emana leggi di orientamento generale, garantisce risorse ed inteventi nello spirito della solidarietà e giustizia.

15. Tutti i membri del PSU, per quanto possibile, devono svolgere attività sociale a beneficio delle popolazioni del territorio. Il PSU va inteso e mantenuto come una realtà dinamica che segue i cambiamenti sociali e le necessità dei popoli. Tutto ciò che impedisce tale capacità del partito (di trasformazione e di adeguamento) va combattuta attraverso le votazioni assembleari.  I candidati alla presidenza della repubblica in ogni paese insieme ai suoi ministri e dirigenti vengono scelti in assemblee nazionali a votazione a maggioranza semplice di tutti gli iscritti territoriali incluso i presidenti e i relativi organi a tutti i livelli. Per le candidature alla presidenza europea ed eventualmente a quella mondiale si seguono le stesse regole già definite. Tutte le votazioni devono essere svolte nella massima trasparenza, verbalizzate e rese pubbliche attraverso i siti del partito.
16. Le cariche politiche, amministrative e  parlamentari sono svolte dai membri del PSU per non più di tre mandati. I segretari amministrativi, i tesorieri, i contabili ed i revisori del PSU, che svolgono la loro mansione a tutti i livelli (territoriale etc...), devono esercitarla per un unico mandato di durata uguale a quella dei presidenti del PSU ai vari livelli. Il mandato non è ripetibile dagli stessi uomini che lo hanno svolto per un tempo di almeno sette anni.

17. Il PSU riconosce l'iniziativa privata e in particolare quella della piccola e media azienda, e ne stimola la creazione e le attività sul territorio. Per il Psu i titolari di tali aziende sono considerati lavoratori ai quali si estendono i diritti e i doveri degli stessi.

18. Il PSU riconosce la proprietà privata purche' la stessa non contrasti con gli interessi generali.

19. Il PSU ritiene che le attività economiche tra i singoli e gli stati devono essere regolate da norme chiare e semplici, tali da evitare raggiri, truffe, o iniqui indebitamenti. L'attività economica deve essere al servizio dell'uomo, e non viceversa, per promuovere la sua evoluzione materiale e spirituale.
I rapporti economici devono avere come scambi i beni reali e non quelli virtuali e fittizzi.

20. In tutti i Paesi dove opera il PSU (incluso Italia) è fatto obbligo alla sede nazionale di pubblicare il bilancio economico annuale del partito.Le assemblee del PSU (a tutti i livelli) sono convocate dal presidente (territoriale, regionale, nazionale ed internazionale). Esse possono essere convocate anche dal comitato di direzione e dall'organo di controllo riuniti in assemblea e che abbiano ottenuto la maggioranza semplice dei voti. Il comitato di direzione (a tutti i livelli) ha la funzione di collaborare con il presidente nella gestione del PSU e partecipare alle votazioni inerenti questioni politiche e quelle riguardanti il PSU. L'inno del partito è la sinfonia del Nuovo Mondo di Dvorak, la bandiera del Psu è composta da un sole radiante su un fondo bianco. Tre mesi prima della convocazione delle assemblee per le elezioni dei presidenti e dei relativi organi (a tutti i livelli) verranno sospesi i tesseramenti al partito. Un mese prima delle elezioni dei presidenti e dei relativi organi (a tutti i livelli) le candidature degli aspiranti alle cariche direttive del partito (presidente, comitato di direzione, organo di controllo, da riservare esclusivamente ai membri attivi del partito) devono essere inoltrate (per iscritto) all'organo di controllo di riferimento (a tutti i livelli). L'organo di controllo provvederà alla verifica dei requisiti dei candidati (in base alla loro lealtà ed impegno nel partito). L'organo di controllo emetterà il suo giudizio sulle candidature, assumendosene la responsabilità, e verbalizzando le eventuali esclusioni o ammissioni. La documentazione di ogni iscritto alle sezioni territoriali deve essere trasmessa in copia (anche per via telematica) alla sede regionale (o stato), alla sede nazionale ed internazionale, ai rispettivi organi di controllo entro i tre giorni dal rilascio della tessera all'iscritto. Gli organi di controllo (a tutti i livelli) sono responsabili dei relativi archivi degli iscritti, del centro statistico e di programmazione del partito, della tenuta dei registri delle assemblee ed eventualmente altri registri. Tutti gli archivi devono essere disponibili per la loro consultazione e visione su richiesta formale (per iscritto) ai presidenti (a tutti i livelli). Chi falsifica e altera i dati e compromette le votazioni dei presidenti e dei relativi organi (a tutti i livelli) è punito con l'espulsione dal partito, ciò vale anche per la manomissione degli archivi. Chi nell'organo di controllo falsifica i dati delle elezioni è punito con l'espulsione dal partito e ciò vale anche per le cariche amministrative e parlamentari. L'organo che dovrà giudicare l'espulsione di uno o più membri dell'organo di controllo sarà composto (a tutti i livelli del partito) da sette membri (a tutti i livelli) tra quelli che hanno maggiore anzianità di iscrizione al partito e tra quelli che hanno dato prova di lealtà ed impegno nel partito. Il PSU presume, sempre, che i membri del partito agiscano in sana coscienza e rispettando i valori ed i principi del partito.

21. I membri del PSU che ricoprono cariche di sindaco, assessori, consiglieri, parlamentari o qualsiasi altro incarico pubblico sono sospesi o espulsi dal PSU quando sono incriminati dal potere giudiziario di corruzione, peculato, malvessazione di fondi e beni pubblici, frode ed altri reati già precedentemente elencati. La sospensione o l'espulsione dal PSU avviene dopo l'accertamento fatto dal presidente nazionale insieme al comitato di direzione e l'organo di controllo. L'accertamento e le indagini devono essere rapidi (max 30 giorni) esaustivi, meticolosi e contenere elementi di prova. Le indagini devono accertare anche se vi siano stati atti ingiusti, arbitrari o discriminatori contro i membri del PSU con la finalità di pregiudicare l'immagine del partito. In tal caso il partito agirà di conseguenza a tutti i livelli con la massima energia e contro quanti nelle istituzioni, avvalendosi del loro potere, sovvertono la verità dei fatti. Nel caso l'accertamento dia risultato positivo, si procederà alla sospensione o all'espulsione del membro del PSU dandone comunicazione all'interessato. L'espulsione o la sospensione viene discussa e votata in assemblea nazionale con votazione a maggioranza semplice. L'assemblea è costituita dal presidente nazionale, il comitato di direzione e l'organo di controllo. Il membro del partito soggetto al provvedimento può chiedere di partecipare all'assemblea (escludendo il suo voto) per dare eventuali chiarimenti. In caso di condanna definitiva da parte dell'autorità giudiziaria ed accertata dal PSU la fondatezza della condanna, il presidente nazionale comunica al membro oggetto della sanzione, a mezzo semplice comunicazione, la sua espulsione dal partito. La sospensione o l'espulsione sarà redatta dal presidente, firmata dallo stesso ed archiviata in un registro nazionale. 

NOTA GENERALE
Nell'assemblea della fondazione del Psu (tenutasi il 07/03/2010), il comitato promotore ha deciso di concentrare la carica di presidente, segretario amministrativo e tesoriere nella figura del sig. Gennaro Ardolino quale ispiratore e fondatore del partito. Nelle successive assemblee (come risulta dai verbali) il comitato ha riconfermato nelle stesse cariche l'ing. Gennaro Ardolino, e ciò fino alla data più opportuna per indire un'assemblea nazionale e successivamente quella internazionale che dovrà eleggere il presidente, il segretario e il tesoriere nazionali e quelli internazionale. L'assemblea del comitato di fondazione ha ratificato ed approvato lo statuto del partito e le norme transitorie dello stesso, ed ha deciso la fondazione di un giornale del partito intitolato "La vocedei popoli". Nella riunione del comitato fondatore del 20/06/2013 si è deciso di aggiornare lo statuto per meglio gestire l'organizzazione del partito. 

 

NORME TRANSITORIE
Fino a quando il PSU non sara' strutturato in campo nazionale e mondiale, il segretario amministrativo, il tesoriere ed il presidente provvisorio del Psu in Italia e nel mondo sarà il Sig. Ardolino Gennaro, fondatore del partito.
Il costo della tessera del PSU in Italia è fissato in € 5,00, e le richieste di tesseramento dovranno essere inoltrate utilizzando i servizi informatici che si trovano sul sito web del partito o attraverso invio di fax al 0813416198. La tessera sara' inviata a mezzo posta o con corriere espresso a domicilio dell'interessato.
Il PSU pubblichera' sul sito web le sue news relative alle posizioni politiche, sociali ed economiche dell'Italia e del mondo. La sede provvisoria del PSU in Italia e' via Tanzillo n°21 80035 Nola (NA) Italia.
I Contatti telefonici si possono avere chiamando i numeri 039 081/3416198 oppure per un contatto diretto con il presidente cel: 3200566944.
Per contatti esteri e' preferibile l'utilizzo del sito web del PSU.

 

INFORMATIVA 2015
Il giorno 16-12-2015 si è riunito il comitato promotore del PSU che ha deliberato che l'ing. Gennaro Ardolino, fondatore del PSU, rimarrà in carica, fino al primo congresso del partito, come presidente nazionale ed internazionale, tesoriere e segretario amministrativo del partito. Nella stessa riunione si è stabilito di accelerare la creazione della radio multilingue "Radio Universal Socialist Party". Si è anche concordato nello stesso incontro di formalizzare la ONLUS (per altro già operativa da tempo): Il nuovo mondo, che avrà come scopo il sostegno a famiglie bisognose, il soccorso alle popolazioni affette da calamità e a gruppi umani in difficoltà (con appoggio logistico e tecnico, quando richiesto), difesa della fauna e della flora e di animali domestici abbandonati o dispersi. Della onlus potranno far parte, a titolo volontario, anche i non membri del partito, i quali saranno individuati con una fascia o una mantellina recando il simbolo della onlus.

BANDIERA E SIMBOLO DELLA ONLUS

 

Nel prosieguo della discussione si è deciso di promuovere "il centro per l'alta formazione politica" per dare un'adeguata preparazione ai quadri del partito. La frequenza delle materie sotto elencate sarà obbligatoria e tutte le lezioni saranno tenute da docenti universitari. 

Materie fondamentali: Storia e cause economiche e politiche che hanno generato gli eventi, Geografia economica e politica, Ideologie politiche, Storia delle religioni sotto l'aspetto sociale ed umano, Etica politica, sistemi e metodi organizzativi e logistici per la gestione delle comunità, Studio comparativo delle costituzioni e dei diritti fondamentali dell'uomo, Storia dei partiti politici, Logica e psicologia, Formazione e controllo dello Stato, Dottrine economiche e risultati sociali, Metodi di gestione e controllo di enti pubblici e delle attività parlamentari, Studio e pratica della lingua inglese. 

Sei qui: Home Lo Statuto